Outbound link: come gestire i link in uscita

Scribox Content Agency » Guide & Consigli » Outbound link: come gestire i link in uscita

Gli outbound link, più comunemente chiamati link in uscita, sono i link che da un sito portano l’utente ad un altro sito (a differenza degli inbound link, che invece lo fanno navigare all’interno dello stesso sito).

Possono essere molto utili in primis per una questione di completezza di informazioni: se pubblichi un articolo sui tipi di miscele di caffè, allora linkare un articolo di una importante marca di caffè sarà per il lettore molto interessante.

Da un punto di vista pratico, invece, sfruttare i link in uscita si rivelerà utile per aumentare la popularity del tuo sito e la sua autorità. Vediamo quindi come inserire link in uscita sulla tua pagina web.

Caratteristiche degli outbound link

È essenziale prestare attenzione a certe caratteristiche che devono avere questi link in uscita, altrimenti puoi finire col danneggiare il tuo dominio anziché incentivarlo: rischi infatti di annoiare il lettore invece che incuriosirlo, e di adottare tattiche penalizzate dai motori di ricerca.

Pertinenza

Il link in uscita deve essere pertinente al contenuto della pagina di partenza: se parli di miscele di caffè, non puoi linkare in uscita un sito di sedie di design. Questo non solo per rispetto al lettore, ma anche per questioni di posizionamento sul motore di ricerca.

Autorevolezza

A proposito di motore di ricerca, è consigliabile che il sito in uscita goda di una certa autorevolezza, perché gli spider del motore di ricerca ne tengono conto per il posizionamento del tuo sito. Se per qualche motivo (ad esempio, se il link in uscita ha scopi commerciali, oppure è di dubbia autorevolezza) vuoi che la pagina che linki non sia presa in considerazione dallo spider, puoi inserire l’attributo rel=”nofollow” prima di linkarla. Questo renderà il tuo posizionamento a prova di link dubbi o malevoli.

Unidirezionalità

Non sempre vale la regola aurea: nel caso dei link in uscita, infatti, non aspettarti che la pagina che linki ricambi il favore, anzi. I link di matrice “altruistica” sono visti molto più di buon occhio dal motore di ricerca rispetto a quelli ricambiati, e quindi privilegiati. Nonostante ciò, ti consigliamo di far aprire il link in uscita in un’altra pagina, per non perdere il traffico sulla tua pagina.

Moderazione

Pochi link e ben studiati: un eccesso di link in uscita penalizza la tua pagina, perché a volte il motore di ricerca registrerà questa intraprendenza come una ricerca di attenzioni verso siti più autorevoli. Meglio quindi limitarsi a massimo due o tre link in uscita, anche se la quantità dipende anche dalla lunghezza del tuo articolo. Inoltre, rischi anche di distrarre il tuo lettore e portarlo a navigare al di fuori del tuo sito.

Correttezza

È buona abitudine tenere sotto controllo il corretto funzionamento della pagina linkata, e che essa riporti informazioni sempre aggiornate (questo soprattutto per l’utente). I cosiddetti link rotti, infatti, non sono visti di buon occhio dagli spider dei motori di ricerca, che per questo motivo penalizzeranno la tua pagina.

Insomma, un buon utilizzo degli outbound link ti permette di guadagnare utenti ed autorità, ma allo stesso tempo devi stare attento a sfruttare questo strumento correttamente: per individuare la bontà e la qualità delle pagine che linki, a volte, conviene affidarsi agli occhi esperti di uno specialista SEO, perché l’uso errato dei link in uscita può danneggiare il frutto del tuo lavoro.

Altri articoli dal nostro blog