Quanti articoli scrivere alla settimana sul blog?

Scribox Content Agency » Guide & Consigli » Quanti articoli scrivere alla settimana sul blog?
come gestire un blog quanti articoli a settimana

Se hai un blog personale o un blog aziendale, ti sarei sicuramente chiesto qual è il perfetto numero di articoli da pubblicare alla settimana.

Prima di scoprire la risposta, ecco alcune considerazioni da tenere a mente.

Quanti articoli pubblicare a settimana?

Innanzitutto, ricorda che pubblicare articoli blog con la giusta frequenza ha due grossi vantaggi:

  • fidelizzi i tuoi utenti: non vuoi certo fare la fine di quell’amico un po’ strano che senti solo per Natale! Scrivere con costanza aiuta chi ti legge a non dimenticarsi di te;
  • sei più appetibile ai motori di ricerca: un blog attivo, secondo gli algoritmi che governano la SERP, risulta più aggiornato ed affidabile, e per questo potrà comparire tra i primi risultati.

Specialmente se sei agli inizi, un’ottima frequenza di pubblicazione è due articoli a settimana, di media lunghezza. In questo modo, riuscirai a non perderci troppo tempo, ma contemporaneamente a produrre contenuti di qualità che vengano incontro alle esigenze dei tuoi utenti.

Ricorda di osare sempre

Secondo alcune recenti statistiche di Hubspot, i blog che pubblicano 16 articoli al mese (cioè 4 a settimana) hanno un traffico 3,5 volte maggiore rispetto a quelli che ne pubblicano uno ogni 7 giorni, e generano 4,5 volte i lead.

In questo modo, il blog risulta molto attivo, e inoltre avrai sempre contenuti pronti per i social, i quali notoriamente richiedono tempistiche di pubblicazione più strette.

Produrre così tanti articoli a settimana, però, richiede tempo, energie e idee. E questo vale non solo per i blog personali, ma anche e soprattutto per i blog aziendali, a maggior ragione in realtà lavorative dove la parte marketing e comunicazione non è l’attività principale.

Chi deve gestire un blog in autonomia deve necessariamente dotarsi di una redazione per riuscire a coprire tutte le pubblicazioni che si intende mettere online. In alternativa, è possibile affidarsi a un supporto esterno di professionisti per la creazione testi per il web ottimizzati per i motori di ricerca.

Tieni a mente gli obiettivi

Così come in altri aspetti della vita, i numeri da soli non contano. L’importante è avere sempre ben chiari gli obiettivi che vuoi raggiungere con i tuoi articoli: vendere un prodotto o servizio? Dispensare consigli? Illustrare una case history?

Articoli frequenti possono fornire dei brevi tips & tricks ai tuoi lettori, mentre un articolo più lungo e dettagliato può costituire un vero e proprio storytelling.

Ma attenzione: se è vero che un’alta frequenza non è sinonimo di bassa qualità, è altrettanto vero che un articolo molto lungo deve essere scritto molto bene, altrimenti rischia di essere svantaggiato dai motori di ricerca e ignorato dai lettori.

E a proposito di lettori, ricorda che alla fine quanti articoli del blog pubblicare dipende da loro: se pubblichi troppo poco spesso finisci nel dimenticatoio, ma se scrivi troppe volte a settimana potresti risultare pedante, perché corri il rischio di ripetere i tuoi contenuti.

Cerca quindi di analizzare il feedback che ricevi da chi ti segue, e di concentrare i tuoi sforzi sulla qualità di ciò che scrivi.

Altri articoli dal nostro blog